Frattura del perone sintetizzata con placca e viti

Il paziente. Trauma caviglia sx da caduta in casa. Causa Covid_19 per timore aspetta dieci giorni prima di recarsi in clinica. Effettua: Rx ed Eco. Rx: frattura scomposta malleolo peroneale. Eco: tenosinovite peroneo-breve. Edema del mortaio tibio-astragalico. Il medico consiglia ciclo di Tecar e terapia farmacologica.
Il paziente arriva in studio con una sola stampella. Sbagliata l’altezza, tenendola dalla parte sx. Indossa una fascia in cotone morbida. È stato visitato in altro studio in precedenza.
Indicazioni fisioterapiche consigliate: utilizzo di entrambe le stampelle, diversamente solo una lato dx. Utilizzo tutore dinamico, sportivo,  per stabilizzare e per migliorare edema e drenaggio con pelotte in silicone malleolari.
Fisiokinesiterapia che comprende esercizi e terapia manuale. Rispetto la prescrizione con Tecar terapia, anche se optare per terapie a numero fisso, a mio parere è inutile a fini terapeutici.
Gli esercizi e le sessioni fisioterapiche devono variare, ogni giorno, in base alle condizioni cliniche del paziente. È utile un protocollo confezionato su misura per il paziente. Personalmente è l’unica modalità con cui avere risultati, veloci e mirati.
Ogni caso è a se. Considero nel caso clinico, la disponibilità economica del paziente, nel non poter effettuare un numero elevato di sedute.
La soluzione è impostare un protocollo di sedute a cadenza settimanale, con protocollo di esercizi domiciliari, per poter monitorare l’andamento fisioterapico e aggiornare il protocollo.
Chiedere. Esistono sempre soluzioni. Prendetevi cura degli altri come fareste di voi stessi.
Basterebbe.